Vigna ai Sassi: solo ottime annate dal 1987 PDF Stampa E-mail

Dai vini DOC Grave del Friuli e Colli Orientali del Friuli, al Prosecco di Valdobbiadene DOCG,
un'etichetta di qualità garantita dall'esperienza Santanna.

Vigna ai Sassi:
solo ottime annate dal 1987

       Un nome che da 24 anni, continua a garantire i migliori standard qualitativi, grazie ad una profonda passione per l’enologia, una selezione rigorosa ed una natura generosa: tutto questo è Vigna ai Sassi.

       Anche la stagione 2010 non fa eccezione: iniziata con un ritardo di 7-10 giorni rispetto all'anno precedente, a causa di un inverno più rigido della media e di una primavera fresca e piovosa, ha permesso una maturazione delle uve particolarmente ideale.

       Le quantità vendemmiate si sono attestate sui valori del 2009, con uve di ottima qualità sia in termini di omogeneità della maturazione, sia in termini di salute dei grappoli. La vendemmia delle uve precoci è iniziata i primi giorni di settembre con il Pinot Grigio, cui sono seguiti Chardonnay, Friulano e Sauvignon. Dall'ultima settimana di settembre si sono vendemmiati anche i rossi, a partire dal Merlot, Cabernet Sauvignon, Cabernet Franc.

       Mediamente il tenore zuccherino è stato leggermente inferiore rispetto agli anni precedenti, mentre i livelli di acidità sono saliti, a tutto vantaggio dei vitigni a bacca bianca che si presentano freschi, eleganti, dotati acidità, fragranza e aromaticità, grazie soprattutto all'escursione termica tra il giorno e la notte registrata nel periodo precedente la vendemmia.

       Vigna ai Sassi inaugura dunque sotto i migliori auspici il suo nuovo "look", presentandosi a partire dal 2011 con una nuova serie di etichette per i vini bianchi e rossi, che si affiancano all'immagine degli spumanti, già rinnovata lo scorso anno. Una dimostrazione di attenzione non solo alla qualità del vino, ma anche ai nuovi gusti del pubblico ed alle nuove tendenze del "label design": per vendemmiare successi sempre più indimenticabili.